Il Giudizio Cattolico

Ama la verità; mostrati qual sei, e senza infingimenti e senza paure e senza riguardi.
E se la vita ti costa la persecuzione, e tu accettala; e se il tormento, e tu sopportalo.
E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, e tu sii forte nel sacrificio.
San Giuseppe Moscati

[ Log In ]

> Attualità

La proposta di legge di “Sì alla Famiglia” un passo avanti verso il “matrimonio” omosessuale



Il Comitato Sì alla famiglia, presieduto da Massimo Introvigne, ha lanciato a Roma il 16 gennaio, in una riunione con parlamentari di diversi partiti una proposta di legge dal titolo Testo unico sui diritti dei conviventi. In questa sede non entreremo nel dettaglio delle singole disposizioni, cosa che riserviamo ad un successivo analitico intervento, ma cercheremo di tratteggiare il vulnus alla famiglia naturale costituito dallo stesso testo unico considerato nel suo complesso.

Il testo, secondo i promotori, «rende maneggevoli e coordina disposizioni che l’ordinamento italiano già prevede, esplicitamente o implicitamente, per le persone impegnate in convivenze. Tra questi l’assistenza del partner in ospedale e in carcere e la successione nei contratti di locazione. Il testo ribadisce che il partner di fatto ha titolo, a determinate condizioni, al risarcimento del danno subito dall’altro partner e all’indennizzo che spetta al partner vittima di delitti di mafia o di terrorismo. Tutto questo per le convivenze tra persone sia di sesso diverso, sia dello stesso sesso».

Non è esattamente così perché il Testo Unico costituisce un passo decisivo nel cammino della teoria del gender. Sollecitiamo infatti l’attenzione del lettore sul passo precedente perché il principio ispiratore del DDL si ritrova appunto in quell’ IMPLICITAMENTE. Orbene, se una cosa è esplicita infatti nulla quaestio, ma se è implicita, perché acquisti vita, è necessario un processo di interpretazione per il quale sono necessari dei canoni ermeneutici. Ma il canone ermeneutico adoperato dai promotori del disegno non è forse quello dei fautori dell’omosessualismo? Cosa è infatti riconoscere – senza opporvisi – tutti i diritti oggi solo potenzialmente esistenti nel nostro ordinamento per le convivenze?

In realtà, come hanno giustamente osservato su “Riscossa Cristiana” Elisabetta Frezza e Patrizia Fermani «con quella che si pretenderebbe di far passare come una mera raccolta di provvedimenti di varia natura dettata da motivi di ordine pratico, e che viene chiamata in modo suggestivo “testo unico”, si propone un sistema chiuso di norme». (cfr. qui)

Orbene un sistema di tal fatta non è da considerarsi un insieme di disposizioni ciascuna con la sua ratio, ma come un unicum con una propria ratio, che si ricava da una lettura complessiva di tutte le norme, ed è pertanto destinato ad influenzare anche la successiva produzione normativa. Se è vero che molte delle disposizioni de quo sono dettate da decisioni della magistratura italiana e comunitaria che spinge verso l’equiparazione delle unioni di fatto, etero ed omosessuali alle legittime unioni familiari, non si comprende perché una legge promossa da parlamentari sedicenti cattolici dovrebbe sancire tali abnormi decisioni.

Lo scopo del progetto di legge sarebbe, secondo i promotori, quello di «distinguere con estrema chiarezza il cosiddetto “matrimonio” omosessuale, con la conseguente possibilità di adottare figli, cui siamo assolutamente contrari anche qualora lo si nasconda pudicamente sotto il nome di “unioni civili”». Per questo, non è prevista, affermano i promotori «né l’adozione né la riserva di legittima per la successione né la reversibilità delle pensioni, che sono cose tipiche dei matrimoni o almeno di simil-matrimoni».

Il risultato è però totalmente contrario alle intenzioni dichiarate, in quanto riconosce e sancisce le unioni di fatto, come un categoria giuridica foriera di diritti in quanto tale, anche se, come è apertamente dichiarato: dispone che «…..ai conviventi, dello stesso sesso o di sessi diversi, sono riconosciuti i diritti e i doveri relativi alla sanità, alle carceri, alla locazione, ai risarcimenti, ma vuole chiudere la porta al “matrimonio” e alle adozioni, ora ha un testo su cui convergere». Questa affermazione non è però condivisibile in quanto, a parte tutta una serie di nuove norme, anche relativamente alla procreazione assistita, “implicitamente” tratte da norme esistenti (il che significa che al momento non esistono), è evidente che il testo del DDL conferisce una organicità prima inesistente e consolida proprio quelle decisioni della magistratura che vengono criticate. In sostanza l’interprete dovrà analizzare ogni norma alla luce di tutte le altre del testo unico, il che nella migliore delle ipotesi, ne fa una “base” stabile ed organica per un ulteriore salto in avanti costituito appunto da quel matrimonio omossessuale che i promotori si propongono di scongiurare.

Il DDL aggancia il rapporto di convivenza al regolamento anagrafico riconoscendo giuridicamente «l’unione fra due persone legate da stabili vincoli affettivi, coabitanti e aventi dimora abituale nel medesimo comune, insieme con i familiari di entrambi che condividano la dimora» (art. 3 del testo). La proposta di legge crea dunque uno status giustificato dal mero vincolo affettivo che lega i conviventi. E che conduce inevitabilmente al “matrimonio” tra persone dello stesso sesso.

Di fatto, Si alla Famiglia riesuma il disegno di legge DICO (DIritti e doveri delle persone stabilmente COnviventi), presentato dal governo Prodi nel febbraio 2007 finalizzato al riconoscimento nell’ordinamento giuridico italiano di taluni diritti e doveri discendenti dai rapporti di “convivenza” registrati all’anagrafe. Non è ancora lo pseudo-matrimonio omosessuale, ma si situa in un processo di distruzione dell’istituto familiare che inizia con il divorzio (1972-1974) e il nuovo diritto di famiglia (1975) e arriva oggi alle sue coerenti conclusioni. Non stupisce che i fautori della nuova etica postmoderna promuovano quest’itinerario di dissoluzione. Ma non è paradossale che a sostenerlo siano dei cattolici e in nome del sì alla famiglia?

 

Claudio Vitelli 4 febbraio 2015






comments powered by Disqus



Voci correlate

Se si può comprendere un ateo che critica la posizione della Chiesa Cattolica sul divorzio e sul divieto di accedere all’Eucarestia per i divorziati sposati con rito civile, non si capisce assolutamente la critica sollevata da molti che si dicono cattolici. Partiamo dal presupposto che se uno dice di essere cattolico sa cos’è la Fede cattolica, conosce cioè i dettami alla base della stessa ed i principi a cui la Chiesa deve rifarsi. Conosce quindi il Catechismo. Conosce il Magistero. Almeno conosce i tratti fondamentali di quel che sostiene di credere. Dato questo presupposto, riassumiamo in breve (per quanto possibile) quel che da sempre è la legge sul matrimonio e sull’Eucarestia.

Pierfrancesco Nardini

Nel corso di queste ultime settimane, stiamo purtroppo assistendo ad un’aggressione senza precedenti alla famiglia, a pochi giorni dalla conclusione del Sinodo sulla famiglia, nel corso del quale si è discusso con toni anche molto accesi tra gli stessi vescovi di questioni molto importanti come le unioni di fatto, anche quelle omosessuali, e la separazione e l’ammissione al sacramento della comunione da parte dei divorziati risposati. Ma da cosa è attaccata la famiglia? Innanzitutto, si è diffusa nel mondo, in questi ultimi decenni

Gianluca Martone

Non temete se vostro figlio tornando da scuola vi racconta che l’insegnante di matematica ha tenuto una lezione di storia e quello di chimica di italiano. Preoccupatevi seriamente invece se un insegnante di Religione risponde a una domanda riguardo gli omosessuali attenendosi alla sua materia. Questo è il nuovo reato per la Repubblica Italiana. Siamo al paradosso e il fatto che l’episodio di quanto accaduto nella scuola di Moncalieri sia diventato una notizia dovrebbe far riflettere. Cosa ci si aspetta da un insegnante di Religione? Che parli contro la legge di Dio? Soprattutto, ci chiediamo, perché tanto accanimento?

Pietro Di Martino

A Benevento un custode della Villa Comunale ha allontanato due giovani omosessuali che si baciavano su una panchina. L’uomo ha fatto, giustamente, presente che in quel luogo vi erano dei bambini. I due omosessuali hanno denunciato il fatto come gesto omofobo. Finanche l’Amministrazione Comunale, il cui sindaco è un ex-democristiano, ha preso le distanze dal custode addirittura minacciando un’indagine a riguardo. Il professor Corrado Gnerre, beneventano, così ha scritto ai madia locali

Corrado Gnerre

Corriere della Sera, 9 luglio 2014, p. 12, trafiletto in basso a destra: un pasticcere di Belfast rischia di essere incriminato perché si è rifiutato di preparare una torta recante il marchio di una associazione irlandese omosessualista. Accusa: discriminazione a sfondo sessuale. È da precisare che la ditta (i proprietari hanno ben sei negozi) ha specificato che il rifiuto è dovuto alle proprie convinzioni religiose: sono cattolici e sostenitori della famiglia naturale

Massimo Viglione

Non è delle olgettine, di feste, “signore” o “escort” – reali o meno – che si vuole parlare in questo articolo, già fin troppo si è detto a riguardo. Chi scrive fa di mestiere il docente e il ricercatore di storia, e conosce la storia: e bene specificare questo perché chi conosce la storia non può far finta di meravigliarsi perché un uomo di potere, per giunta fra i più ricchi del mondo, abbia amanti e si diverta immoralmente: un conto infatti è la piena condanna morale del fatto in sé, sulla quale non possono esservi dubbi, un conto la consapevolezza empirica dell’animo umano: chi conosce la storia sa molto bene quale presenza ingombrante siano molto spesso state le donne per gli uomini di potere di tutti i tempi e luoghi

Massimo Viglione

Nel giorno del giuramento per il suo secondo mandato, il Presidente degli USA Obama ha detto che al primo posto nel suo programma viene l’adempimento di una politica di vera “uguaglianza”, e i primi a dover essere “uguagliati” sono i cosiddetti “diritti” degli omosessuali.

Massimo Viglione







Confederazione Civiltà Cristiana
Eventi consigliati



Il Dibattito
Proponiamo ai nostri lettori una riflessione di un sacerdote su un fatto che ha suscitato nei giorni scorsi molte polemiche. La riflessione ci appare serena e argomentata. Speriamo quindi che a distanza di tempo si possa ragionare, e magari svolgere un dibattito, con costruttiva serenità di toni e onestà di intenti, nel pieno rispetto delle diverse opinioni.

Contromano in autostrada...




Pronto Soccorso Apologetico



I lettori ci scrivono








sito

ilgiudcat


Corrispondenza romana


Riscossa Cristiana


Messa in Latino


Libertà e persona


Radici cristiane


I tre sentieri


mai più cristianofobia


Parrocchia San Michele


Il Covile


Sine Timore


MEVD