Il Giudizio Cattolico

Ama la verità; mostrati qual sei, e senza infingimenti e senza paure e senza riguardi.
E se la vita ti costa la persecuzione, e tu accettala; e se il tormento, e tu sopportalo.
E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, e tu sii forte nel sacrificio.
San Giuseppe Moscati

[ Log In ]

> Attualità

La rivincita dello “spirito di crociata”



Non sono uno storicista né tantomeno un immanentista, per cui so bene che il corso della storia può avere una serie di variabili che Dio solo sa e che stesso Dio può influenzare ma non certo determinare. Ciò perché l’uomo è libero, e perché il tempo è l’esito di tutta una serie di variabili (anche casuali) che si sono introdotte in conseguenza del peccato originale.

Fatta questa premessa, va detto però che la storia è anche il campo della Provvidenza, che può ben utilizzare gli accadimenti affinché l’uomo possa capire e possa eventualmente ravvedersi. O anche (è doloroso dirlo) possa scontare ciò che merita scontare. Non dobbiamo infatti dimenticare che la giustizia divina se si realizza pienamente oltre la dimensione naturale, non esclude in linea di principio di poter operare, parzialmente o completamente, anche nella storia degli uomini, cioè nell’al-di-qua.

Ecco perché la storia si prende solitamente le sue rivincite; e il tempo, come spesso si dice, diventa “galantuomo”. Per dirla con termini più difficili, siamo nell’ambito della cosiddetta “nemesi” storica.

Tutto questo per dire cosa? Per dire che i fatti che stiamo ascoltando in queste ore sono una vera e propria “rivincita” di ciò che storicamente si ricorda come “spirito di crociata”. Ovviamente mi riferisco alle ultime notizie riguardo lo spadroneggiamento dell’Isis in terra libica, a circa 400 chilometri dal suolo italiano: 400 chilometri! la distanza che intercorre tra Roma e Bologna.

Il termine “crociata” (così come le sue molteplici aggettivazioni) viene usato in chiave negativa tanto giornalisticamente quanto scolasticamente. Quando poi uno storico (che conosce davvero la storia) cerca di far capire che, pur con tutti i distinguo e le precisazioni del caso, nello spirito di crociata vi era un principio di guerra giusta e di guerra difensiva ... apriti Cielo! Non solo non viene creduto, ma riceve anche gragnuole di accuse per revisionismo apologetico e ingenuo.

Eppure si sa che quando vennero organizzate le Crociate non solo non vi era più la possibilità da parte dei cristiani di poter andare liberamente in Terra Santa, ma le terre della cristianità erano continuamente minacciate dalle incursioni dei Saraceni. La paura di veder rapiti donne e bambini era all’ordine del giorno. Nacquero finanche degli ordini religiosi che avevano come scopo di raccogliere offerte per far sì che anche le famiglie povere potessero pagare riscatti per riavere i propri congiunti. La famosa frase “Mamma, li turchi!” non nacque casualmente.

E ora? Giustamente nessuno si scandalizza (anche le forze cosiddette “progressiste”) che ci siano gli estremi per intervenire in Libia e difendere, attaccando, il nostro territorio dal pericolo del jihadismo. Basta leggere gli editoriali di queste ore per accorgersi di quanti oggi si scoprano –giustamente- difensori del principio della “guerra giusta”. Abbiamo finanche un ministro degli esteri accusato di essere un “crociato” dai “tagliagole” con bandiera nera.

E la storia che si ripete? Può darsi. Di certo è un insegnamento affinché si tratti bene la storia e si finisca di dire panzane ideologiche.

Oggi avviene per le crociate, domani chissà…

 

Corrado Gnerre 16 febbraio 2015






comments powered by Disqus









Confederazione Civiltà Cristiana
Eventi consigliati



Il Dibattito
Proponiamo ai nostri lettori una riflessione di un sacerdote su un fatto che ha suscitato nei giorni scorsi molte polemiche. La riflessione ci appare serena e argomentata. Speriamo quindi che a distanza di tempo si possa ragionare, e magari svolgere un dibattito, con costruttiva serenità di toni e onestà di intenti, nel pieno rispetto delle diverse opinioni.

Contromano in autostrada...




Pronto Soccorso Apologetico



I lettori ci scrivono








sito

ilgiudcat


Corrispondenza romana


Riscossa Cristiana


Messa in Latino


Libertà e persona


Radici cristiane


I tre sentieri


mai più cristianofobia


Parrocchia San Michele


Il Covile


Sine Timore


MEVD