Il Giudizio Cattolico

Ama la verità; mostrati qual sei, e senza infingimenti e senza paure e senza riguardi.
E se la vita ti costa la persecuzione, e tu accettala; e se il tormento, e tu sopportalo.
E se per la verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, e tu sii forte nel sacrificio.
San Giuseppe Moscati

[ Log In ]

> Storia

Pio IX, Papa Re e santo



La Chiesa Cattolica oggi celebra la memoria del beato Pio IX, al secolo Giovanni Mastai Ferretti, ultimo Papa-Re.

Questa è la frase canonica di presentazione del santo odierno.

In realtà, questa asserzione non è corretta. Nella sua fredda schematicità, ciò che la rende errata è l’aggettivo “ultimo”. Ultimo naturalmente non è riferito a “Papa”, ma a “Re”. Ma il papa, qualsiasi papa, è o non è re non perché possiede o non possiede lo Stato Pontificio, non perché lo hanno fatto re gli uomini o per circostanze storiche che come si sono formate così nel tempo sono poi passate. Il papa è re perché vicario in terra di colui Che è “Re dei re”, Re dell’universo e Signore del creato, signore in quanto fattore, reggitore, governatore, e un giorno giudice; di Colui che ebbe a dire, nel pretorio dinanzi al Governatore di Roma, di Se stesso: «tu lo dici: io sono re» (Gv., 18,37). La tiara (o triregno), simbolo per secoli della regalità pontificia, non era legata al possesso dello Stato Pontificio, tanto è vero che è stata abolita da Paolo VI e non nel 1870.

Inoltre, lo Stato Pontificio esiste ancora, anche se ha cambiato nome ed è ridotto a 0,44 kmq: esiste perché ha un sovrano appunto, una bandiera, un territorio, un governo con i suoi organi, le ambasciate in Stati stranieri, è riconosciuto da quasi tutti gli altri Stati del mondo (ultimamente abbiamo scoperto che ha anche le prigioni…); purtroppo manca solo di una propria moneta e purtroppo invece possiede una banca.

Insomma, il Papa-Re esiste ancora. Piaccia o non piaccia. Ed esisterà sempre, fino alla fine del mondo, perché fino alla fine dei tempi esisterà la Chiesa Cattolica, fondata da Cristo-Dio sulla roccia denominata Pietro.

Papa Pio IX quindi non fu l’ultimo Papa-Re. Fu il pontefice a cui fu strappato lo Stato Pontificio nella sua quasi totale estensione da forze nemiche della Chiesa e della civiltà cristiana. Queste forze nemiche però, quelle di ieri (uomini del risorgimento italiano e della massoneria internazionale) e quelle sterminate di oggi, possono fare di tutto contro la Chiesa, forse anche un giorno toglierle quel 0,44 kmq che ancora possiede, possono forse massacrare i suoi uomini, o chissà cos’altro, ma non possono fare nulla contro la Chiesa come istituzione divina e umana, contro il Corpo Mistico di Cristo, contro il suo pontefice e re (perché… morto un papa, se ne fa un altro…), così come poterono calunniare, torturare e uccidere Cristo stesso, ma rimasero beffati dall’essere stati i primi strumenti del suo trionfo eterno sul male.

Tutto questo era perfettamente chiaro a Pio IX. Egli, che visse il più lungo pontificato della storia (1846-1878, 32 anni, secondo solo a san Pietro, qualora sia veramente morto nel 67), ma anche uno dei più drammatici di tutti i tempi, fu degnissimo vicario del suo Signore nel portare la croce ogni giorno per 30 anni: la croce di chi lo ingannò nel 1846-48, di chi ne usurpò il potere e poi tentò di assassinarlo costringendolo a lasciare Roma (1848-1851), di chi operò costantemente contro la Chiesa per tutto il resto del suo pontificato, di chi invase i suoi Stati, di chi perseguitò il clero italiano (Cavour e la “Nuova Italia”), di chi ripetutamente attentò alla Chiesa stessa (Garibaldi e il nuovo governo italiano), di chi lo accusò di essere un barbaro schiavista, di chi lo definì in parlamento “metro cubo di letame” e si propose apertamente di andarlo ad uccidere (Garibaldi), di chi assalì Roma il 20 settembre 1870, rendendolo prigioniero a casa sua, di chi non gli diede tregua fino all’ultimo dei suoi giorni, perseguitando la Chiesa, il clero, la fede del popolo.

Pio IX fu “alter Christus” come pochi papi nella storia lo sono stati. Egli rispose, dopo i primi due anni di tentennamenti e confusione, con una fermezza di carattere e una radicalità di fede quasi irraggiungibili, all’immenso attacco della modernità contro la Chiesa. Disse no al Risorgimento laicista e anticattolico, non perché lui fosse contro l’Italia (anzi, lui, primo degli italiani, era sostenitore del progetto di confederazione cattolica degli Stati preunitari, dimostrando così una preveggenza politica ancora oggi insuperata), ma perché quel Risorgimento, così concepito e voluto, era contro la Chiesa e la fede, e quindi contro gli italiani; disse no al positivismo e al liberalismo scettico, proclamando l’8 dicembre 1854 con immenso coraggio il più meraviglioso dogma del secondo millennio, l’Immacolata Concezione di Maria (e, caso unico nella storia della Chiesa finora, la sua eroica scelta fu benedetta direttamente da Cielo, quando, il 25 marzo 1858, nella grotta di Massabielle, la Vergina Ss.ma in persona si presentò a santa Bernadetta con le parole: “Io sono l’Immacolata Concezione”); disse no alla guerra alla Chiesa scomunicando tutti gli artefici e protagonisti dell’unitarismo italiano, mostrando un coraggio senza pari nell’andare “controcorrente” e nel seguire insuperato l’insegnamento del Signore: “siate nel mondo ma non del mondo” (magari qualcuno oggi nella Chiesa avesse un decimo di tale coraggio…); condannò il liberalismo, il socialismo e lo statalismo totalitario con una enciclica (Quanta Cura) seguita da una condanna (il Sillabo) – che impegna l’infallibilità pontificia – di 80 proposizioni errate della modernità, ponendo la Chiesa per sempre al riparo dal compromesso con la Rivoluzione gnostica ed egualitaria, ricordando che dobbiamo sempre essere dalla parte del calcagno che schiaccia il serpente, sempre, anche quando sembra che il serpente stia per vincere; disse no all’anarchia e alla democratizzazione sovversiva della Chiesa, convocando, a tre secoli dal grande Concilio di Trento, il Concilio Vaticano I ove proclamò, nonostante i forti dissensi interni, le norme dell’infallibiltà pontificia e quindi ponendo su una roccia indissolubile il Primatus Petri, su si si fonda la Chiesa Cattolica.

Infine, fu impareggiabile sostenitore delle missioni, delle riforme legittime, della propagazione della fede nel mondo (per lui il rapporto con le altre religioni si fondava sulla pacifica ma costante lotta per la conversione alla vera fede dei popoli, non sulle chiacchiere fritte del dialogo eretizzante), della diffusione di una rinnovata spiritualità fra le classi sociali umili (amico intimo di san Giovanni Bosco), patrocinatore fino ad allora insuperato di cause di santi, polo di riferimento dell’intero ecumene cattolico, restauratore della Chiesa in Inghilterra. E tanto altro si potrebbe dire.

Fu perseguitato in vita, ogni giorno. Fu perseguitato dopo la morte: quando nel 1881 si volle eseguire la sua volontà di essere tumulato non in San Pietro ma in San Lorenzo fuori le Mura, durante il trasporto della venerata salma, gruppi di massoni assalirono il carro e tentarono di gettarlo nel Tevere. Nei decenni successivi, la sua causa di beatificazione fu ostacolata dentro la Chiesa dal clero progressista e fuori la Chiesa da forze massoniche e dal mondo ebraico; nel 2000, quando Giovanni Paolo II ne proclamò la beatificazione, vi fu una spaventosa campagna mediatica di attacco internazionale contro la sua decisione, dai radicali italiani fino al Jerusalem Post, che arrivò alla calunnia infame di definirlo pedofilo… E ancora oggi il processo di canonizzazione non va avanti, in nome del dialogo con il mondo moderno.

Ma Pio IX è santo. È santo per la sua purezza personale, da cui la devozione all’Immacolata; per l’impareggiabile forza dimostrata nell’abnegazione a portare la Croce di Cristo ogni giorno per 30 anni; per il coraggio di schierarsi con Cristo ogni giorno della sua vita  e del suo lunghissimo pontificato contro i trionfanti eserciti della modernità anticristiana; per l’esercizio eroico della Fede, che seppe difendere in maniera immune dal pur minimo errore; della speranza, che non abbandonò mai fino alla morte; della carità, per cui spese tutta la sua esistenza.

Ricordiamolo – fra le mille maniere possibili – con queste sue parole, segno inequivocabile di un cuore ricolmo appunto di Fede, di Speranza, di Carità, monito per tutti noi oggi nella lotta contro i discendenti ideali di coloro che egli ebbe come suoi nemici giurati: «Quanti tiranni tentarono di opprimere la Chiesa! Quante caldaie, quante fornaci e denti di fiere, e aguzze spade! Tuttavia non ottennero nulla. Dove sono quei nemici? Sono finiti nel silenzio e nell’oblio. E dov’è la Chiesa? Ella splende più del sole».

 


Massimo Viglione 7 febbraio 2014






comments powered by Disqus



Voci correlate

È ormai noto che agli inizi del 2017 uscirà un film del regista ebreo Steven Spielberg incentrato sulla vicenda di Edgardo Mortara. Superfluo dire che si rende necessario un previo chiarimento dell’intera vicenda, per chi non ne fosse a conoscenza. Edgardo Levi Mortara fu un ebreo, nato nello Stato

Massimo Viglione

Lourdes ricorda le apparizioni mariane più famose della storia. Esse avvennero nel 1858 ed ebbero come protagonista una ragazza di quattordici anni di nome Bernadette Soubirous. La Vergine le apparve per ben diciotto volte in una grotta, lungo il fiume Gave. Le parlò nel dialetto locale, le indicò il punto in cui scavare con le mani per trovare quella che si rivelerà una sorgente d’acqua, al contatto con la quale sarebbero scaturiti molti miracoli. Un momento importante fu quando, in un’apparizione avvenuta il 25 marzo, festa dell’Annunciazione, alla ripetuta richiesta di Bernadette, la Vergine disse di essere l’Immacolata Concezione, venendo così a confermare il dogma del concepimento immacolato di Maria promulgato da papa Pio IX l’8 dicembre 1854 (quattro anni prima).

Corrado Gnerre

La Chiesa Cattolica oggi celebra la memoria del beato Pio IX, al secolo Giovanni Mastai Ferretti, ultimo Papa-Re. Questa è la frase canonica di presentazione del santo odierno. In realtà, questa asserzione non è corretta. Nella sua fredda schematicità, ciò che la rende errata è l’aggettivo “ultimo”. Ultimo naturalmente non è riferito a “Papa”, ma a “Re”. Ma il papa, qualsiasi papa, è o non è re non perché possiede o non possiede lo Stato Pontificio, non perché lo hanno fatto re gli uomini o per circostanze storiche che come si sono formate così nel tempo sono poi passate. Il papa è re perché vicario in terra di colui Che è “Re dei re”, Re dell’universo e Signore del creato, signore in quanto fattore, reggitore, governatore, e un giorno giudice; di Colui che ebbe a dire, nel pretorio dinanzi al Governatore di Roma, di Se stesso: «tu lo dici: io sono re» (Gv., 18,37). La tiara (o triregno), simbolo per secoli della regalità pontificia, non era legata al possesso dello Stato Pontificio, tanto è vero che è stata abolita da Paolo VI e non nel 1870.

Massimo Viglione







Confederazione Civiltà Cristiana
Eventi consigliati



Il Dibattito
Proponiamo ai nostri lettori una riflessione di un sacerdote su un fatto che ha suscitato nei giorni scorsi molte polemiche. La riflessione ci appare serena e argomentata. Speriamo quindi che a distanza di tempo si possa ragionare, e magari svolgere un dibattito, con costruttiva serenità di toni e onestà di intenti, nel pieno rispetto delle diverse opinioni.

Contromano in autostrada...




Pronto Soccorso Apologetico



I lettori ci scrivono








sito

ilgiudcat


Corrispondenza romana


Riscossa Cristiana


Messa in Latino


Libertà e persona


Radici cristiane


I tre sentieri


mai più cristianofobia


Parrocchia San Michele


Il Covile


Sine Timore


MEVD